News Salute


Test di Intolleranza Alimentare

Le intolleranze alimentari sono le "allergie non allergiche". Questa definizione risale al 1991, quando l'allergologo Kaplan presentò un suo articolo in cui descriveva l'esistenza di stati allergici che non era possibile correlare alle immunoglobuline E (igE). Quindi primo punto da comprendere che allergie tradizionali e intolleranze alimentari non sono la stessa cosa.

Se una sostanza verso la quale si è intolleranti raggiunge il nostro organismo le difese (i globuli bianchi, in particolare i linfociti) vengono distolte dai loro normali compiti per far fronte all'aggressore; in tal modo si crea una diminuzione delle difese immunitarie generali.

Problema - A tutt'oggi non esiste una causa dimostrata e da tutti accettata sulla natura delle intolleranze; ciò è fonte di gravi contraddizioni e di posizioni scientificamente prive di valore.

Intolleranze e patologie

Poiché le intolleranze alimentari sono responsabili di una minor difesa dell'organismo, alcune patologie potrebbero essere significativamente interessate: riniti, asma, congiuntiviti, dermatiti, dermatosi, eczemi, psoriasi, coliti. Per altre si ipotizza l'importanza del ruolo degli aspetti immunitari dell'alimentazione, ma sembra ancora prematuro inserirlo fra i fattori prioritari di considerazione. Ciò che è importante notare è che la relazione fra patologia e intolleranza è probabilistica nel senso che la patologia può dipendere dall'intolleranza, non dipende necessariamente da essa. Utilizzando la legge di guarigione totale, il soggetto che soffre di una patologia e al quale è stata diagnosticata un'intolleranza, nel momento in cui elimina l'intolleranza, deve guarire dal suo problema: un generico leggero miglioramento o un semplice allungamento delle recidive deve far continuare l'indagine delle cause al di fuori del campo alimentare. In altre parole non si deve incorrere nell'errore di monocausa, rapportando ogni stato del soggetto al suo profilo alimentare.

I test per le intolleranze

Esistono diversi test che promettono di rivelare le intolleranze alimentari. È importante distinguere fra test non convenzionali e test validabili convenzionalmente.

I primi (che chiameremo non scientifici) non hanno basi scientifiche (cioè non spiegano scientificamente i motivi dell'intolleranza; per esempio dire che l'intolleranza è prodotta da tossine che si accumulano nell'organismo è una spiegazione di validità nulla, se non si spiega il meccanismo d'accumulo, di quali tossine si tratta, se non le si rilevano realmente ecc.). Si basano su concetti generici molto discutibili che tendono a dare di un fenomeno una determinata spiegazione (l'intolleranza) fra le tante possibili (errore di partigianeria).

Non sono mai sottoposti a test di validazione su campioni di popolazione molto numerosi, anzi chi li promuove evita queste verifiche.

I secondi (test scientifici) sono molto recenti e sono la risposta della scienza ufficiale al dilagare (spesso facilitata da enormi interessi commerciali) di test non scientifici. Negli ultimi anni sono nati alcuni test (oggetto di un prossimo articolo) che, partendo da una spiegazione dell'intolleranza, si prefiggono di rilevarla. Purtroppo, nonostante l'entusiasmo dei promotori, sono ancora sotto esame e nulla di definitivo si può affermare.

Le difficoltà dei test per le intolleranze.

La sensibilità - È la probabilità che soggetto malato (quindi intollerante) presenti un test positivo. Se il test è affidabile dovrebbe essere il 100%. Poiché si conosce e si riesce a diagnosticare l'intolleranza al glutine (celiachia), si può usare questa forma di intolleranza per valutare la sensibilità dei test. I test non scientifici hanno dimostrato sensibilità che non arrivano mai al 30%, nonostante siano molto propensi a giudicare un soggetto intollerante a qualche alimento. Alcuni test scientifici sotto esame sembra possano arrivare al 70%, una percentuale comunque non soddisfacente. Ricordiamo che una percentuale non indica affatto un successo: anche inventando un test a caso, è possibile giudicare intolleranti individui celiaci con percentuali dell'ordine del 20-30%. Il trucco è semplice: basta considerare l'80% della popolazione intollerante a qualcosa, privilegiare le intolleranze più conosciute e si azzeccherà almeno nella metà dei casi di celiachia.

La specificità - È la probabilità che un soggetto sano presenti un test positivo. Dovrebbe essere zero. Questo è il punto dolente dei test antintolleranze.  I falsi positivi sono quella percentuale (variabile da test a test) che risulta intollerante, ma non presenta problemi, cioè è sana. Per i test non scientifici tale percentuale è molto alta, circa l'80%: se prendiamo cioè 100 soggetti sani e li sottoponiamo al test, ben 80 risultano malati! A questo punto il test diventa scarsamente affidabile anche sui malati.

La tipologia degli alimenti - Alcuni test come il VEGA verificano l'intolleranza su alimenti complessi, per esempio il cioccolato. Il problema è come fare a capire se uno è intollerante a latte, cacao, nichel, zucchero, lecitina di soia, o grassi idrogenati vegetali. Altri (come il DRIA) raffinano gli alimenti. Però anche se si semplificano gli alimenti, si tratta sempre di cibi costituiti da decine di sostanze. E se si scoprisse che l'intolleranza è per una certa vitamina (per esempio chi è intollerante al lievito potrebbe essere intollerante a vitamine del gruppo B contenute nel lievito) o per un certo aminoacido, che senso ha testare alimenti anche semplici che contengono decine di vitamine o decine di aminoacidi?

La quantità degli alimenti - Generalmente si arriva a 30-40, nei test più costosi a 100-150. Non è credibile scientificamente che ne bastino così pochi. A volte si ragiona per classi (i formaggi), ma ciò nasce dal non sapere esattamente ancora qual è la vera sostanza che produce l'intolleranza. Analizzare il grana e supporlo rappresentante di tutti i formaggi (ricotta, pecorino, groviera) dal punto di vista scientifico è l'equivalente per un biologo analizzare un topo anziché un elefante (tanto sono tutt'e due mammiferi). Basta pensare che gli additivi sono centinaia per capire come è rozzo definire una persona intollerante ai salumi: e se fosse intollerante ai conservanti contenuti in essi, piuttosto che all'alimento in sé (la maggior parte dei salumi contiene nitriti e nitrati). È molto più ragionevole pensare che un soggetto sia intollerante a un aditivo (e, ripetiamo, sono centinaia) che a un alimento.

Le estensioni - Molti terapeuti hanno visto che eliminando gli alimenti positivi la situazione del paziente non migliorava (già questo è un limite al test); allora hanno esteso gli alimenti proibiti a partire dall'alimento trovato positivo. A prescindere dal fatto che se le estensioni sono troppo vaste l'alimentazione diventa un incubo, che senso ha escludere alimenti che sono risultati negativi? Per esempio l'intolleranza al solo lievito chimico genera l'esclusione di tutto ciò che è fermentato; genera anche l'esclusione del lievito di birra, del formaggio grana, del dado da brodo ecc. In genere ciò viene spiegato con il fatto che nel meccanismo di somma infiammatoria che si determina mangiando cibi verso cui esiste intolleranza, ogni cibo che determina fermentazione ha un minimo effetto o grande effetto nel determinare la sommatoria finale. Spiegazione a livello di stregoneria, piuttosto che di scienza, poco convincente perché a questo punto il cibo incomincia a diventare un GRANDE NEMICO.

L'incompatibilità - I vari test sono fra di loro incompatibili nel senso che non danno gli stessi risultati. Questa non è una prova di condanna generale (potrebbe essercene uno valido e gli altri no), ma deve far riflettere. Inoltre molti test non scientifici risalgono a 40-50 anni fa: nonostante ciò non sono riusciti ad affermarsi con credibilità.

Pneumologia e Malattie respiratorie

Pneumologia e Malattie respiratorie  Allergie Alimentari  Attualmente il problema delle allergie alimentari ha una maggiore rilevanza anche a causa della progressiva diminuzione degli allattati al seno e l'inizio parallelo del...


Continua ...

Cardiologia e Chirurgia Cardio-Vascolare

I fattori di rischio del cuoreI fattori di rischio cardiovascolare sono rappresentati da tutte quelle condizioni proprie di ciascun individuo che aumentano in qualche maniera la sua probabilità di ave...


Continua ...

Chiropratica-Posturologia-Osteopatia

Che cosa è la ChiropraticaIppocrate, oltre duemila anni fa, leniva dolori articolari, muscolari e viscerali riposizionando le vertebre con tecniche di medicina manuale, che nonostante si siano modific...


Continua ...

Chirurgia Estetica e Chirurgia Plastica

Perchè un intervento?La fiducia in noi stessi e' influenzata dalla percezione e quindi dal giudizio che diamo alla nostra immagine. Dal come pensiamo di essere visti dagli altri.La chirurgia plastica ...


Continua ...

Chirurgia generale ind. Oncologico - Chirurgia Laparoscopica - Chirurgia senologica

Il cancro è la seconda causa di morte dopo le malattie cariovascolari. Gli organi più colpiti sono la prostata nell’uomo e la mammella nella donna. Seguono, il colon retto ed il polmone in entrambi i ...


Continua ...

Dermatologia

Le principali patologie dermatologicheL’ambiente caldo umido e il conseguente aumento della sudorazione costituiscono il denominatore comune di tutte le dermatiti proprie dello sportivo e non solo. L’...


Continua ...

Diabetologia e Endocrinologia

Che cosa è l’endocrinologiaEndocrinologia vuol dire studio della forma, del funzionamento, delle malattie e delle cure che possono  interessare le ghiandole endocrine dell'organismo umano: quindi l'ip...


Continua ...

Dietologia

Il cambiamento delle nostre abitudini alimentariNegli ultimi decenni le abitudini alimentari sono profondamente cambiate. Lo sviluppo dell'economia, i contatti con altre culture, i grandi mutamenti so...


Continua ...

Ecografia internistica e muscolo tendinea

L’ecografia costituisce, ormai da più di vent’anni, un ausilio indispensabile alla pratica clinica giornaliera.Semplice nell’intuizione di utilizzo, questa metodica sfrutta lo stesso principio del son...


Continua ...

Ginecologia ed Ostetricia

Che cosa è l’ UroginecologiaL'"uroginecologia" è una superspecializzazione che si occupa specificamente dei "disordini del pavimento pelvico" che comprendono: le disfunzioni e l'incontinenza urinaria....


Continua ...

Nefrologia

La nefrologia è una branca della medicina che studia il rene e le vie urinarie dal punto di vista sia anatomico e fisiologico, sia patologico. Infatti Nefrologia vuol dire rene e quindi filtro, uno de...


Continua ...

Neurochirurgia e Chirurgia vertebrale

l chirurgo deve intervenire solo se è davvero necessarioLa chirurgia vertebrale è in ascesa e il trend è operare. Molti Chirurghi insistono su un punto: «è meglio conservare, tentare con le terapie me...


Continua ...

Neurologia e Psichiatria

La neurologia è quella branca della medicina che studia le patologie inerenti il sistema nervoso centrale (cervello, cervelletto, tronco encefalico e midollo spinale), periferico somatico (radici e ga...


Continua ...

Omeopatia

L'omeopatia è un controverso sistema terapeutico i cui principi sono stati formulati dal medico tedesco Samuel Hahnemann verso la fine del XVIII secolo. Alla base dell'omeopatia è il cosiddetto princi...


Continua ...

Ortopedia

La terapia con onde d’urto in Ortopedia  Dopo circa 30 anni di valida applicazione in campo urologico per il trattamento della calcolosi renale (la cosiddetta litotripsia), la terapia con onde d’urto ...


Continua ...

Otorinolaringoiatria

Ogni giorno ci occupiamo di pazienti che lamentano uno o più disturbi derivanti da una alterazione funzionale dell'orecchio interno (acufeni, ipoacusia percettiva o neurosensoriale, sensazione di pres...


Continua ...

Psicologia

La psicologia è la scienza dei fenomeni psichici e comprende lo studio delle esperienze intime, delle emozioni e dei comportamenti vissuti dai soggetti.Il compito della psicologia verso i fenomeni psi...


Continua ...

Reumatologia

Che cos'è l'Artrite reumatoide?L'Artrite Reumatoide (AR) è una malattia infiammatoria cronica che colpisce le articolazioni, ha un andamento spesso progressivo e può evolvere verso l'anchilosi con com...


Continua ...

Test di Intolleranza Alimentare

Le intolleranze alimentari sono le "allergie non allergiche". Questa definizione risale al 1991, quando l'allergologo Kaplan presentò un suo articolo in cui descriveva l'esistenza di stati allergici c...


Continua ...

Urologia

L'urologia e l'endoscopia urologia.L'urologia comprende lo studio degli organi predisposti alla secrezione e dalla escrezione dell'urina: reni, ureteri, vescica ed uretra. Nel maschio per le strette c...


Continua ...

Abbiamo 34 visitatori e nessun utente online